Emilia-Romagna, Parma

Nazionale A Femminile. Con la Moldova il debutto nelle qualificazioni mondiali. Bertolini: “Ripartiamo con entusiasmo”

Nel pomeriggio a Coverciano prima sessione di allenamento per la Nazionale Femminile, che si è radunata ieri al Centro Tecnico Federale per preparare le prime due gare del girone di qualificazione al Mondiale del 2023. Venerdì 17 settembre l’Italia affronterà la Moldova allo stadio ‘Nereo Rocco’ di Trieste (ore 17.30, diretta su Rai 2), mentre due giorni dopo volerà a Karlovac dove martedì 21 settembre (ore 17.30) sfiderà le padrone di casa della Croazia.

Dopo più di tre mesi trascorsi senza indossare la maglia azzurra, per le calciatrici convocate da Milena Bertolini è come se si trattasse del primo giorno di scuola. Emozione e voglia di stare insieme per continuare il percorso di crescita e centrare un nuovo fondamentale obiettivo: la qualificazione diretta alla prossima edizione della Coppa del Mondo, alla quale accederanno le 9 prime classificate nei rispettivi gironi (le seconde classificate disputeranno i play off). “Ripartiamo con tanto entusiasmo e con la consapevolezza di essere una squadra forte – ha dichiarato la Ct in conferenza stampa – sappiamo quanto sia bello partecipare a un Mondiale: due anni fa in Francia abbiamo provato emozioni indescrivibili e daremo il massimo per avere la possibilità di riviverle. La qualificazione sarebbe un traguardo fondamentale per tutto il movimento”.

Per riuscirci sarà importante iniziare questo nuovo cammino con il piede giusto, senza sottovalutare nessuna avversaria, a cominciare dalla Moldova, già battuta nel girone di qualificazione al Mondiale del 2019. “A livello internazionale il calcio femminile sta crescendo tantissimo e anche le nazionali con meno tradizione stanno migliorando velocemente – ha aggiunto Milena Bertolini – Venerdì troveremo una squadra diversa da quella che abbiamo affrontato 3 anni fa. Dovremo giocare con umiltà e grande concentrazione, anche perché sappiamo che gli impegni di settembre nascondono spesso delle insidie dato che le nostre calciatrici non sono ancora al top della condizione. Ma la strada intrapresa è quella giusta e sono sicura che ci faremo trovare pronte”.

Nessuna pressione, quindi, solo tanta voglia di fare bene, gli stessi ingredienti che si nascondono dietro al successo europeo della Nazionale di Roberto Mancini. “I ragazzi hanno fatto qualcosa di bellissimo. Il loro trionfo ci dà energia e ci stimola a fare sempre meglio”, ha concluso la Ct.

L'ingresso al 'Nereo Rocco' per assistere alla gara di venerdì sarà gratuito previa presentazione di un titolo di accesso. A partire dalla ore 10 di martedì 14 settembre sarà possibile scaricare il proprio titolo di accesso collegandosi ai siti www.figc.it o www.vivaticket.it, fino ad esaurimento dei posti disponibili, nel rispetto dei regolamenti vigenti sia in materia di biglietteria sia in materia di misure di contenimento della pandemia.

Formula di qualificazione alla fase finale del Mondiale

Accedono direttamente alla fase finale le prime classificate dei 9 gironi, mentre le seconde classificate disputeranno i play off nell'ottobre del 2022 per determinare le prime due squadre che accederanno direttamente alla fase finale e la terza squadra che si qualificherà ad un nuovo play off in Australia e Nuova
Zelanda.

I play off in programma nell'ottobre 2022 funzioneranno nel seguente modo: le tre migliori seconde del girone accedono direttamente al secondo turno; le altre 6 seconde disputano il primo turno, con tre spareggi in gara singola. Le prime tre squadre vincenti al primo turno e le 3 squadre qualificate direttamente al secondo turno si sfidano poi in gara unica.

Le due vincitrici degli spareggi col ranking più alto (in base ai risultati ottenuti nella fase di qualificazione e al secondo turno di spareggio) si qualificano per la fase finale. L'altra vincitrice partecipa agli spareggi interconfederali (torneo a 10 squadre dal 17 al 23 febbraio 2023 in Australia e Nuova Zelanda per determinare le ultime tre partecipanti alla squadra finale). Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *