Sardegna

Sanitari no-vax, si attende la decisione del Tar della Sardegna

CAGLIARI. Si pronunceranno già nei prossimi giorni (ma c’è chi parla addirittura di ore) con una sentenza breve di merito, i giudici del Tar Sardegna che devono valutare il ricorso presentato da 173 gli operatori sanitari, tra medici, infermieri e Oss, che hanno impugnato l’obbligo di sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell’infezione da Covid, collegando anche una richiesta di sospensiva cautelare del provvedimento e una di risarcimento. Contestano il fatto che, senza prova di aver fatto il vaccino, le rispettive aziende sanitarie abbiano deciso la sospensione dal servizio senza stipendio.

Nell’udienza di stamattina in camera di consiglio, a porte chiuse, l’avvocato Mattia Menotti (in sostituzione del collega ligure Daniele Granara che segue la situazione dei sanitari sardi no-vax e di quelli di molte altre regioni italiane che hanno presentato analoghi ricorsi) ha rinunciato all’istanza cautelare, chiedendo che si andasse direttamente nel merito dopo un breve rinvio per poter presentare dei motivi aggiuntivi. L’intenzione pare fosse quella di allegare al ricorso collettivo anche i singoli provvedimenti di sospensione che nel frattempo le aziende sanitarie sarde hanno notificato ai dipendenti sospendendoli dal servizio.

Contro la richiesta di rinvio si sono pronunciati i legali che si oppongono al ricorso e che assistono l’Ats Sardegna (Paola Trudu e Anna Sedda), l’ordine degli infermieri (Salvatore Casula e Silvio Pinna) e l’Anci con il sindaco di Quartu, questi ultimi costituiti in giudizio con l’avvocato Carlo Augusto Melis.

Sentite le parti, il collegio della prima sezione del Tar della Sardegna presieduto dal giudice Dante D’Alessio ha negato il rinvio, andando a decisione nel merito e annunciando una sentenza breve che potrebbe essere depositata in tempi strettissimi. (ANSA).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *