Campobasso, Molise

Rissa in piazzetta, daspo urbano al ragazzo termolese: per lui centro cittadino vietato

Scazzotata piazza Termoli

Una scazzottata in pieno centro a Termoli. Ripresa con i telefonini da alcuni passanti e divulgata sui social scatenando l’ira della popolazione. Altri avventori dei locali di Piazza Insorti d’Ungheria (meglio conosciuta come la piazzetta) invece cercarono in ogni modo di dividere i due giovani che erano venuti alle mani dopo aver assunto alcol, e per motivi dovuti a screzi precedenti.

La storia è quella accaduta la tarda serata del 2 ottobre scorso e quella lite aveva poi coinvolto anche altri ragazzi. Sul posto i carabinieri, quindi le indagini e le successive a carico degli autori.

Un episodio che aveva destato da subito reazioni di sdegno nella popolazione preoccupata per la recrudescenza, soprattutto nei fine settimana, dei reati riconducibili alla cosiddetta “movida violenta”.

Rissa davanti a centinaia di persone in piazzetta: denunciati un 36enne di San Severo e un 19enne di Termoli

Il questore della provincia di Campobasso ha però deciso di emettere anche altri provvedimenti a carico dei protagonisti di quella scelleratezza. Quindi è stato emesso un “daspo urbano” nei confronti di uno dei giovani coinvolti nella lite. Si tratta di un ragazzo originario di Termoli, che da oggi in poi non avrà più accesso né potrà sostare nelle vicinanze di una serie di attività del centro cittadino, prevalentemente di ristorazione e di somministrazione di bevande, luoghi nei quali il giovane più volte avrebbe creato disordini dovuti alla sua indole violenta.

Nei confronti degli altri due uomini – sempre coinvolti nella lite – uno originario di San Severo e l’altro di Termoli, sono stati invece emessi per il primo il provvedimento di foglio di via obbligatorio dal comune di Termoli e l’avviso orale per il secondo. Si tratta di “misure di prevenzione tipiche rivolte a quei soggetti che manifestano forme di pericolosità generica che consentono risposte effettive ed immediate al fine di ripristinare la tranquillità sociale”.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *