Bergamo, Lombardia

Trombosi, come si riconosce e i legami col Covid: parlano gli esperti della Fondazione Artet

Mercoledì 13 ottobre si celebra in tutto il mondo il World trombosis day: la trombosi, coagulo che ostruisce il circolo sanguigno in una vena o in un’arteria, è la terza malattia cardiovascolare più comune dopo l’ischemia miocardica e l’ictus cerebrale ed è connessa a due gravi complicanze: l’embolia polmonare e la sindrome post-trombotica.

L’argomento è di grande attualità. Anche perché le scoperte nella fase iniziale della pandemia sugli effetti più acuti del Covid hanno evidenziato relazioni pericolose tra il virus e la trombosi. Del resto, anche altre malattie virali – come l’influenza – possono causare disturbi della coagulazione: non sorprende, dunque, che anche il Covid-19 abbia questo effetto.

Di questo e molto altro abbiamo parlato con due esperti: Andrea d’Alessio, Responsabile Medicina Interna del Policlinico di Zingonia, e Anna Falanga, direttore dell’Unità di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’ospedale Papa Giovanni.

Il primo è membro del Comitato Tecnico Scientifico della della Fondazione Artet, coordinato proprio dalla dottoressa Falanga. “La trombosi è tra i maggior killer del nostro secolo – spiega quest’ultima -. Ne abbiamo sentito parlare molto nell’ultimo anno e mezzo, ma conoscerne i sintomi è sempre importante. Una diagnosi tempestiva è fondamentale per curarla e salvare delle vite”.

La Fondazione – nata nel 2018 per svolgere attività di ricerca scientifica nel campo delle relazioni tra trombosi, emostasi e tumori – mette al servizio della società le conoscenze scientifiche relative a questi campi, promuovendo progetti di cura e assistenza dedicati ai pazienti fragili che necessitano di terapie anticoagulanti, antitrombotiche e/o trasfusionali.

 

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *