PESCARA. «Avete salvato le vite, i balneatori italiani vi ospitano in segno di gratitudine». È lo slogan dell’iniziativa promossa dal Sindacato italiano balneatori (Sib) in favore degli “eroi” del Covid-19, ovvero medici, paramedici, infermieri e operatori sanitari abruzzesi: da oggi, per un mese, potranno richiedere un voucher che darà loro diritto ad una settimana gratuita di servizi in uno stabilimento balneare. L’iniziativa – dal titolo “Codice blu. Dalla corsia al mare” – è patrocinata dall’assessorato regionale alla Salute. Per sette giorni, gli operatori sanitari potranno usufruire gratuitamente di un ombrellone con lettino e sdraio.
Obiettivo del progetto è quello di «ringraziare ed esprimere profonda riconoscenza al personale sanitario abruzzese che, durante l’emergenza epidemiologica, si è sacrificato e continua a farlo lottando in prima linea nella battaglia contro il Covid-19». Avranno diritto al voucher tutti gli operatori sanitari delle quattro Asl abruzzesi: potranno richiederlo contattando il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute della Regione Abruzzo, che fornirà loro le credenziali per accedere ai lidi. Una cinquantina gli stabilimenti balneari che, fino ad ora, hanno aderito all’iniziativa: da Pescara a Montesilvano, da Ortona a San Vito Chietino, da Pineto a Silvi. Ma altre adesioni sono in arrivo in queste ore.
Il presidente del Sib-Confcommercio, Riccardo Padovano, durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, definisce «opportuno e doveroso dedicarci al personale sanitario, offrendo loro la possibilità di trascorrere giornate rilassanti in un’atmosfera cordiale e ospitale, in segno di profonda stima e gratitudine. A tal proposito ringrazio gli stabilimenti balneari abruzzesi che hanno accolto positivamente e spontaneamente l’invito a partecipare a questa idea», afferma, esprimendo soddisfazione per «l’elevato numero di adesioni».
«Ringrazio il Sib e il presidente Padovano per questa iniziativa lodevole messa in campo a favore del personale sanitario abruzzese», sottolinea l’assessore regionale alla Salute, Nicolettà Verì, «si tratta di un segnale importante verso una categoria che rappresenta il simbolo dell’emergenza Covid. In Abruzzo c’è stata una corsa alla solidarietà. Esprimo pertanto molta gratitudine ai promotori per la sensibilità dimostrata». (c.s.)
Source