Home HTML Come creare collegamenti click-to-call per browser mobili

Come creare collegamenti click-to-call per browser mobili

92
0

Ricorda: la maggior parte dei dispositivi mobili sono anche telefoni! Quindi, perché non creare azioni link-to-call? Se stai creando una guida aziendale o anche la tua rubrica personale, la maggior parte delle persone preferirà chiamare una persona invece di compilare un modulo sul dispositivo.

Il telefono: schema

Il primo standard de facto (copiato dagli standard i-Mode giapponesi) consiste nell’utilizzare lo schema tel:. È stato proposto come standard nella RFC 5341 , ma attenzione perché la maggior parte dei parametri ivi proposti non funzionano su nessun dispositivo.

Oggi possiamo trovare supporto per tel: schema URI in quasi tutti i dispositivi mobili, inclusi: Safari su iOS, browser Android (immagine sopra), browser webOS (immagine sopra), browser Symbian, Internet Explorer, Opera Mini e dispositivi di fascia bassa browser dei dispositivi.

La sintassi molto semplice e basilare è:

<a href="tel:+1800229933">Call us free!</a>

Se l’utente attiva un collegamento di chiamata riceverà un avviso di conferma che chiede se effettuare la chiamata, mostrando il numero completo. Questo per evitare frodi che inducano l’utente a chiamare un altro Paese o un numero premium.

Consiglio di inserire il numero di telefono nel formato internazionale: il segno più (+), il prefisso internazionale, il prefisso locale e il numero locale. Non sappiamo davvero dove si troveranno i nostri visitatori. Se si trovano nello stesso Paese, o anche nella stessa area locale, il formato internazionale funzionerà comunque.

Cosa succede quando l’utente fa clic su

Mentre molti browser, come iPhone, Android, Nokia e BlackBerry offrono un avviso di conferma per l’azione della chiamata, il browser NetFront di Sony Ericsson presenta all’utente un menu che propone diverse azioni da intraprendere.

Alcuni dispositivi mobili non telefonici (come iPod Touch, iPad) non consentono le chiamate vocali. Invece, mostrano una richiesta per aggiungere il numero di telefono alla rubrica (vedi l’immagine sotto).

Invio toni DMTF

Alcuni dispositivi consentono inoltre l’invio di toni DMTF dopo che la destinazione ha risposto alla chiamata. Ciò è utile per accedere a servizi con controllo del tono, sistemi di helpdesk o posta vocale; puoi dire al link “chiama questo numero di telefono e, quando si risponde alla chiamata, premi 2, attendi 2 secondi, quindi premi 913#”. Puoi farlo usando il parametro postd dopo il numero: la sintassi è ;postd= . È possibile utilizzare i numeri, *, # (utilizzando il valore %23 codificato nell’URL), nonché p per una pausa di un secondo e w per una pausa di attesa del tono.

Questa funzione non funziona su tutti i dispositivi mobili, ma sui dispositivi che non la capiscono bisognerebbe chiamare almeno il numero di telefono principale. L’elenco di compatibilità per questa funzionalità è complesso e non consiglio di fare affidamento su di esso.

Rilevamento automatico dei numeri di telefono

Il browser BlackBerry e Safari per iOS (iPhone/iPod/iPad) rilevano automaticamente i numeri di telefono e gli indirizzi e-mail e li convertono in collegamenti. Se non desideri questa funzionalità, dovresti utilizzare alcuni meta tag.

Per Safari

<meta name="format-detection" content="telephone=no">

Apertura delle applicazioni native

Esistono alcune applicazioni native che possono essere aperte da un collegamento, principalmente da iOS. Un esempio è l’ applicazione di videochat FaceTime di iPhone 4 e iPod Touch. Da iOS 4.1 possiamo utilizzare facetime: URI per aprire l’applicazione FaceTime e chiamare qualcuno, ad esempio:

<a href="facetime://5555555555">Call us free using Facetime!</a>

Skype per iOS è un’altra applicazione con il proprio schema URI. Abbiamo bisogno del nome utente Skype. Facoltativamente, possiamo aggiungere un parametro ?call per avviare immediatamente una chiamata. Senza di esso, vedremo invece il profilo dell’utente.

<a href="skype:skype_user?call">Call us using Skype!</a>

Ricorda che non è possibile rilevare al volo se l’utente ha installato l’applicazione nativa. Puoi trovare sul mio libro un piccolo trucco per risolvere questo problema.

Finora non sono stati pubblicati schemi URI per Google Voice per iOS.

WTAI: schema n.

Lo schema WTAI è ormai deprecato e dal 2013 non ci sono dispositivi sul mercato che lo supportino

Sebbene la tabella seguente mostri che non è supportato altrettanto bene di tel:, l’altro modo per effettuare una chiamata è utilizzare lo standard WTAI, tramite la libreria pubblica wp e la funzione mc (make call). Come ho accennato nel mio libro, il WTAI è un vecchio standard proveniente dall’era WAP 1.0 e disponibile da WML. . Questo schema URI è stato creato per contattare le biblioteche pubbliche sul dispositivo e non funziona su Safari su iOS o browser webOS.

<a href="wtai://wp/mc;+1800229933">Call us free!</a>

WTAI accetta anche un collegamento da utilizzare mentre la chiamata è in corso, ma questo è utile solo se l’utente è in modalità vivavoce o utilizza un auricolare. Questo collegamento può includere toni da inviare alla destinazione come se l’utente li avesse premuti sulla tastiera, specificati utilizzando la funzione sd (invia toni DTMF) della libreria wp.

Effettuare chiamate radio

Le reti iDEN (come Nextel) utilizzano pacchetti radio per effettuare chiamate interne all’interno della rete. Se lavori con clienti di una rete di questo tipo, ad esempio per una intranet, puoi consentire agli utenti di avviare chiamate interne ad altri membri del team (o chiamate esterne) utilizzando lo schema URL di connessione diretta ([inlinecode ]dc:[/inlinecode]). Questo è compatibile anche con i dispositivi BlackBerry iDEN:

<a href="dc:5040*0077">Ping John</a>
Previous articleOttimizzare il tuo sito wordpress
Next articleFunzioni PHP per trasformare “minuscole” e “MAIUSCOLE” di una stringa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here